Da molti anni tengo corsi sulla leadership e ovviamente tutto si basa sul rispondere alla seguente domanda:

Come si diventa leader?

Non nego che a volte si è leader per doti naturali, quindi dalla nascita, ma ti posso assicurare che ogni giorno frequento imprenditori, team leader e persone che gestiscono gruppi, che hanno imparato a diventare leader con la loro tenacia.

In questo articolo ti voglio dare 5 elementi da mettere in pratica per essere visto come un leader e che puoi ritrovare poi dettagliati con le tecniche nel mio corso on line di leadeship.

Le 5 tecniche per diventare leader

1) Gestisci sempre le tue emozioni:

I più grandi leader non si lasciano trascinare dalle emozioni del momento. Devi tenere conto che le emozioni molto spesso non sono un dato oggettivo per dare un voto alla realtá che ti circonda.

Le emozioni sono solo un avvertimento, fisico e mentale, e si basano su quello che hai provato in una situazione analoga a quella del momento in un periodo passato, oppure a qualcosa di solo vividamente immaginato che riproduci nel tuo futuro alimentando le tue proccupazioni.

Non é detto che quindi che l’emozione di quel tempo sia utile nel presente, soprattutto se si tratta di paura, stress e ansia.

Il leader non ha emozioni diverse dalle tue, solamente le conosce, ne ha la consapevolezza e non ne é sotto ricatto.

E’ questo il motivo per cui durante il corso di leadership spiego moltissime tecniche per conoscere se stessi, riconoscere le emozioni che lo studente ormai avvia in modo automatico e poi come modificarle per un utilizzo positivo.

Essere in balia delle emozioni non ti permetterà di curare la tua comunicazione, arriveranno cosí al tuo pubblico messaggi contraddittori.

2) Gestire il singolo non solo il gruppo:

Molte persone non si possono definire leader perché comunicano sempre riferendosi al gruppo, in realtá la cura del singolo individuo e della sua realtá è fondamentale.

Per fare questo devi utilizzare tecniche di ascolto. Un leader non smette mai di farsi domande.

Ovviamente il singolo é inserito in un gruppo quindi un leader aiuta a sviluppare la collaborazione tra le parti, sarà molto attento a ridurre gli attriti

3) Diventa un esperto ma sempre con la mente del principiante:

Per essere leader devi avere delle competenze che altri non hanno, questo non significa che una volta imparate il tuo lavoro sia finito. Cerca di avere sempre la mente del principiante, aggiornti costantemente leggendo e imparando cose nuove, soprattutto fuori dai soliti tuoi percorsi.

4) Ascolta le critiche per crescere:

I leader non ascoltano tutto quello che dicono o pensano gli altri. Quando hanno un obiettivo percorrono la loro via senza distrarsi. Questo non significa che non ascoltino i suggermenti che posso essere utili.

Esistono tecniche di leadership proprio per avere il giusto approccio con gli errori e vederli non come fallimenti ma come feedback per correggersi.

5) Impara a comunicare:

Come hai potuto notare da quello che ho scritto in precedenza: un leader è un ottimo comunicatore.

Prepara con cura i tuoi messaggi: devi sapere parlare e scrivere in modo chiaro, con l’intento di arrivare al cuore di chi ti ascolta. Impara ad utilizzare tutti i mezzi di comunicazione disponibili.

Questi sono solo alcuni degli elementi che dovrai tenere in considerazione per essere un buon leader, ritorna su questo blog perché ho intenzione di approfondire l’argomento.